Personal branding online per liberi professionisti e PMI

supereroi hulk superman spiderman

Cos’è il personal branding?

Il CEO di Amazon Jeff Bezos ha detto

«Your brand is what other people say about you when you’re not in the room».

Così è anche per noi persone.

Il personal branding è usare tecniche di marketing su se stessi per creare un’associazione significativa tra una competenza rilevante per un pubblico e la propria persona. L’obiettivo è diventare o continuare ad essere la scelta n°1 nel mercato che si vuole servire. Le persone non comprano il tuo prodotto o il tuo servizio, comprano chi vende quel prodotto. Tu sei il brand! Tu sei la marca. Così, mettere in atto una strategia di personale branding online, come per l’offline, significa trovare il proprio talento, saperlo comunicare e metterlo al servizio degli altri.

Perché è necessario oggi fare Personal Branding?

Liberi professionisti e piccoli imprenditori sono chiamati ad avere una strategia di personal branding per due motivi principali: la crescita della concorrenza e la necessità di essere conosciuti e riconosciuti come autorevoli.  Avere un personal brand forte permette di emergere nel mercato e proteggerà il business dall’arrivo di nuovi concorrenti. Mentre raccontarsi, diventare sinonimo di affidabilità e competenza, metterci la faccia rende credibile e degno di nota quello che diffondiamo nel mercato dell’informazione.

Il famoso customer journey ha spesso inizio con quello che Google definisce lo Zero Moment of Truth (ZMOT): si tratta del momento in cui un potenziale cliente cerca informazioni su un prodotto o un servizio a cui è interessato. Questo non avviene solo per i prodotti di largo consumo o per il B2C, ma sempre di più anche per il B2B. Una ricerca Forrester del 2017 ha rivelato che il 68% dei buyer preferisce ricercare autonomamente online le informazioni in vista dell’acquisto di qualcosa. Dello stesso campione, il 62% afferma che dopo questa ricerca preliminare, svolta solamente online, i buyer riescono a crearsi dei criteri di selezione per finalizzare la lista dei possibili fornitori. I punti di contatto digitali abilitano, così, i passaggi successivi del client journey

Come si fa personal branding online?

Una premessa è necessaria: quando si va a costruire un brand personale deve essere chiaro il settore, l’ambito, il mercato in cui ci si vuole posizionare ed essere conosciuti. Una volta lanciato il proprio brand, poi, va coltivato con dedizione e cure assidue, come un delicato bonsai.

Un approccio visuale: il personal branding canvas

Per iniziare ti consigliamo di utilizzare uno strumento ideato da Luigi Centenaro, fondatore di BigName. Si tratta del Personal Branding Canvas, cioè uno strumento visuale per lo sviluppo rapido dell’immagine professionale. Nasce con la convinzione che tutti possono e dovrebbero promuoversi con gli strumenti disponibili online, cosa riservata in genere solo alle grandi aziende. Questo strumento aiuta a capire la propria identità, chi sono i concorrenti, il pubblico obiettivo e il posizionamento desiderato in modo da poter prendere delle decisioni strategiche per consolidare il proprio brand.

Vuoi provare a fare questo “esercizio” per il tuo business? Scarica il modello e inizia subito a costruire il tuo brand!

Scopri come i nostri coworker possono aiutarti a realizzare la tua strategia.

Posted on 26 ottobre 2018 in Coworking

Back to Top